Qual è stata la guerra di Emu dell'Australia e quale è stato il risultato?

WW2 - OverSimplified (Part 1) (Giugno 2019).

Anonim

L'Emu War, chiamata anche Grande Guerra Emu, fu combattuta tra umani ed emù in Australia nel 1932. Si trattava di un tentativo di frenare il numero di emù che stavano facendo impazzire i raccolti nel distretto di Campion, nell'Australia occidentale. La "guerra" non ha avuto successo nel far cadere la popolazione di emù, motivo per cui è considerata una rara guerra in cui gli umani sono stati sconfitti.

The Great Emu War of Australia (1932)

Soldati australiani durante la prima guerra mondiale. (Photo Credit: SLQbot / Wikimedia Commons)

Dopo che la guerra è culminata e questi soldati australiani sono tornati a casa, il loro governo ha lottato per trovare le cose che i loro veterani potevano fare. Una cosa che il governo fece in quelle circostanze fu lanciare uno "schema di insediamento di soldati" in tutti gli stati, in cui quasi 5.030 ex soldati furono forniti di terreni, che dovevano usare per coltivare grano e allevare pecore.

A molti soldati furono assegnate terre in alcune aree piuttosto marginali di Perth (Australia occidentale), e le terre erano a malapena utilizzabili. Inutile dire che i veterani non erano molto felici.

A peggiorare le cose, la Grande Depressione ha colpito nel 1929, provocando una drastica caduta dei prezzi del grano. Nel tentativo di pacificare i veterani, il governo ha promesso sussidi per il grano, ma quei pacchetti di aiuti non hanno mai visto la luce del giorno.

Proprio quando i veterani pensavano che la situazione non potesse peggiorare, erano stati smentiti, grazie a un particolare animale selvatico - l'emù.

Il problema dell'emu

Un emù (Credito fotografico: Pixabay)

Fino al 1922, l'emù era una specie nativa protetta in Australia, ma poi le cose cambiarono.

Emus ha iniziato a devastare i raccolti; arrivarono in numero enorme e mangiarono raccolti in piedi fino al tronco, devastando così i raccolti degli agricoltori e distruggendo i loro mezzi di sostentamento. Alla fine del 1932, circa 20.000 emù erano emigrati nelle terre di recente coltivazione, poiché le risorse in quelle aree erano abbondanti.

Inutile dire che questo era un fastidio che gli agricoltori non potevano semplicemente ignorare. All'inizio, i contadini, che erano ex militari, iniziarono a sparare agli emù, dato che erano addestrati ai fucilieri.

Eppure, anche dopo aver abbattuto centinaia di quei possenti uccelli, non potevano davvero intaccare il numero sempre crescente. Fu allora che si rivolse al governo per chiedere aiuto e richiese il sostegno dell'esercito australiano.

The Military vs. the Emus

Immagine 3: mitragliatrice Lewis La mitragliatrice Lewis è una mitragliatrice leggera ampiamente usata nella prima guerra mondiale. La stessa pistola è stata usata contro l'emù in Australia, più di un decennio dopo. Credito fotografico: Fallschirmjägergewehr 42 / Wikimedia Commons)

Le truppe armate si spostarono dietro gli uccelli nella stretta formazione di combattimento, ma gli uccelli risposero a questo assalto strategico sparpagliandosi in tutte le direzioni per ridurre al minimo le loro perdite.

Un paio di giorni dopo, sono stati individuati circa 1.000 emù in un'area particolare. Ancora una volta, i soldati hanno aperto il fuoco, ma questa volta da distanza ravvicinata. Caddero intorno a 10-12 emù prima che le loro mitragliatrici si ammassassero nelle piogge piovose, offrendo una finestra di opportunità perfetta per la fuga degli emù rimanenti. Questo è esattamente quello che hanno fatto, fuggendo sani e salvi dalla portata delle armi dei soldati.

Un ritaglio da una vecchia edizione di un giornale. (Credito fotografico: National Library of Australia)

Questo fu il primo tentativo da parte dell'esercito di raccogliere i numeri di emù nella regione. L'abietto fallimento del contingente militare nel realizzare il suo obiettivo (uccidere migliaia di emù), combinato con una gran quantità di copertura mediatica negativa, ha spinto il governo a ritirare i militari dalle regioni colpite. Così, nella prima battaglia, emù è emerso vittorioso.

Emus colpì di nuovo, e così anche l'esercito

.

Così Emus vinse la "Grande Guerra Emu dell'Australia" nel 1932.

Detto questo, il loro numero è crollato drasticamente nei successivi 6 mesi, dato che il governo ha fornito ai locali munizioni per affrontare la situazione da soli (cosa che hanno fatto con grande successo). Nonostante ciò, emus si è davvero creato un posto nel cuore di molte persone per la loro straordinaria manovrabilità (anche quando ferito), l'intelligenza tattica e il coraggio puro.

Il maggiore Meredith, il comandante australiano nella guerra degli Emu, ha dichiarato di aver parlato dei suoi valorosi 'avversari':

Se avessimo una divisione militare con la capacità di portare questi proiettili, si troverebbe ad affrontare qualsiasi esercito nel mondo

.

Possono affrontare mitragliatrici con l'invulnerabilità dei carri armati. Sono come Zulus che persino i proiettili dum-dum (quelli che si espandono all'impatto) non potevano fermarsi.